La psicologa – Ep. 06

Pubblicato da admin il

Avevo già avuto a che fare con una psicologa, in passato. E, a parte le mie difficoltà iniziali nell’aprirmi a una sconosciuta, poi era stata una passeggiata.
Era accaduto nel periodo delle mie tre relazioni in contemporanea.
Cioè, mi spiego meglio. Non in contemporanea nel senso che io andassi a letto con tre persone nello stesso preciso momento. Solo che non ero monogama.
Uno era di Varese. Ci uscivo due o tre volte a settimana. Era il mio ragazzo fisso. Ma non ero solo la sua ragazza.
L’altro era di Milano. Mi aveva attratta da subito, per la sua camminata strana, le giacche colorate, il sorriso sempre sul viso. Aveva solo un problema. In tre mesi che ci frequentavamo, non avevamo mai fatto l’amore.
Una volta, a casa mia, sul più bello mi disse non aveva il preservativo. Io non li avevo, fuori nevicava e nessuno dei due aveva voglia d’andarli a prendere.
Un’altra volta aveva mal di schiena.
La volta dopo rientrarono i miei.
La volta dopo era depresso perché l’Atalanta aveva perso.
Una volta eravamo entrambi troppo fumati per far qualcosa che si discostasse un po’ dal semplice restare sdraiati insieme.
E poi c’era il tipo di Genova. L’artista, il fotografo. Ma io e lui ci vedemmo solo un paio di volte. Quindi alla fine ero quasi monogama.


La mia vita oscillava tra alti e bassi. Inviavo cento sms al giorno e dovevo stare attenta con i nomi. E appuntarmi gli incontri sull’agenda o avrei fatto un gran casino.
Non riuscivo a non avere rapporti con gli altri due e mi sentivo una vigliacca nei confronti del mio ragazzo. Piangevo ridevo. Piangevo ridevo.

L’avevo raccontato a un medico “io non ce la faccio più. Ho un lavoro che non mi soddisfa. Una vita che non mi appaga, frequento più ragazzi e poi sto da schifo, però”.
Lui mi aveva guardata senza giudizi, si era accarezzato i capelli, aveva estratto dal taschino del suo camice una penna stilografica e, senza farsi pregare, aveva scritto in azzurro su un foglio dei suoi “Xanax”.
Lo ringraziai. Piegai quel fogliettino in otto parti, e lo nascosi nel portafoglio.